TRL GROP srl - Specialisti dell'efficienza energetica
IMPIANTO FOTOVOLTAICO ON-GRID
IMPIANTO FOTOVOLTAICO ON-GRID

Caratteristiche e funzionamento di un impianto on-grid

Un impianto fotovoltaico on-grid o grid connected identifica quelle utenze elettriche già servite dalla rete nazionale in corrente continua, ma che immettono in rete tutta o parte della produzione elettrica risultante dal loro impianto fotovoltaico, contribuendo alla generazione distribuita.

Questo tipo di impianto è consigliato in particolare per la prima casa e per chi ha la possibilità di collegarsi alla rete nazionale in modo da poter immettere in essa l’energia prodotta e non utilizzata, evitando così  sprechi.

I principali componenti di un impianto fotovoltaico connesso alla rete sono:

  • Campo fotovoltaico, deputato a raccogliere energia mediante moduli fotovoltaici disposti opportunamente a favore del sole;
  • Cavi di connessione;
  • Quadro di campo, quadro in corrente continua costituito da eventuali diodi di blocco a protezione dalle possibili correnti inverse sulle stringhe, scaricatori per le sovratensioni e interruttori magnetotermici e/o fusibili per proteggere i cavi da eventuali sovraccarichi;
  • Inverter, deputato a stabilizzare l'energia raccolta, a convertirla in corrente alternata e ad iniettarla in rete;
  • Quadro di interfaccia, installato a valle dell'inverter ed equipaggiato di componenti necessari all'interfacciamento con la rete elettrica secondo le norme tecniche in vigore.

Un impianto fotovoltaico on-grid adotta il sistema dello scambio sul posto cioè un meccanismo che consente di immettere in rete l'energia elettrica prodotta da un impianto privato, ma non immediatamente auto consumata, per poi prelevarla in un momento successivo per soddisfare i propri consumi elettrici. Il servizio di scambio sul posto è regolato su base economica dal Gestore dei Servizi Energetici (GSE) che riconosce un contributo finanziario a favore del soggetto titolare dell'impianto.

Incentivi per impianti fotovoltaici grid-connected

Per gli impianti grid-connected si può accedere a due forme di incentivazione:

  • Il recupero fiscale del 50% per le ristrutturazioni degli edifici, che viene restituito in 10 anni, a cui si aggiunge il risparmio dato dall'utilizzo della stessa per i propri consumi e la vendita dell'energia prodotta in eccesso.
  • Vendita di Titoli di Efficienza Energetica (TEE) che vengono emessi dal GSE e venduti sul mercato ambientale gestito dal GME, Gestore del Mercato Elettrico. Anche in questo caso, a causa della possibilità di avvalersi del servizio Scambio sul Posto, bisogna ben calcolare la quota di autoconsumo dell'impianto fotovoltaico per massimizzare l'investimento, ma i rientri possono essere molto interessanti.

 

 


Vuoi maggiori informazioni?

Inviaci subito un messaggio, senza impegno!

Servizi

   Richiedi informazioni: